scuolavicentina

Archivio per la categoria “Riflessioni”

Giornata mondiale di mobilitazione per il clima

Oggi in molti paesi d’Europa e del mondo intero ci sono state iniziative, manifestazioni e scioperi degli studenti per portare all’attenzione dei più grandi (o semplicemente “dei grandi”) il tema dell’ambiente e del clima. Rilanciamo un articolo di Avvenire della scorsa settimana, che introduceva la giornata di oggi. Avvenire L’onda verde dei giovani italiani

Annunci

Occasioni di crescita

Ci piace segnalare, come interessante occasione di crescita e confronto, questo corso promosso da suor Naike Monique Borgo e da don Alesio Graziani. Gli incontri si terranno a Scaldaferro, e verteranno sul tema “Comunicazioni, verità e relazioni nell’era digitale”.

Scuole paritarie, parità non di fatto

Pubblichiamo una lettera al direttore Marco Tarquinio dell’Avvenire (di qualche giorno fa) e la sua risposta, su un tema ancora oggi troppo avvolto nei pregiudizi ideologici, relativamente alle scuole paritarie. Lettera al direttore scuole paritaria 01032019

Proposta per incontri davvero … buoni come il pane!

Segnaliamo con piacere questi incontri, proposti dalla Casa Famiglia Joseph di Montecchio Maggiore, davvero molto interessanti e di qualità. In particolare queste serate saranno l’occasione per riflettere sul valore del dialogo, come strumento di crescita e relazione. Si inizia martedì 5 marzo, con “Lo sviluppo del linguaggio”. Passate parola.

Una battuta ignorante

Nel numero di questa settimana di Famiglia Cristiana, don Antonio Mazzi commenta, con la sua solita concretezza, l’episodio relativo alla studentessa di Macerata, che dopo aver rimediato una multa dai carabinieri ha detto, riferendosi all’indirizzo della strada dove abitava (dedicata ai fanti del 226° Reggimento Arezzo), “quattro sfigati morti in guerra“. Per don Mazzi, serve più scuola … e non ha tutti i torti, anzi! Una battuta ignorante

Educare non è una mera competenza

Eraldo Affinati, nel numero di venerdì dell’Avvenire, commenta l’episodio triste di Foligno, con la solita sapienza e speranza, nonostante tutto. Da leggere e condividere. https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/quello-che-i-piccoli-ci-insegnano

Autonomia differenziata: conviene?

In questi giorni si sta discutendo, con toni anche accesi, sul tema dell’autonomia differenziata e della possibile “scuola regionale” (e la conseguente mobilità degli insegnanti), che ovviamente comprende anche il mondo scuola. Il Corriere della Sera, nell’edizione di martedì, sviscera il problema con rettori, presidi, sindacalisti, esperti. https://www.corriere.it/scuola/secondaria/cards/autonomia-differenziata-scuola-regionale-conviene-studenti-veneto-lombardia/scuola-due-velocita_principale.shtml

Dare/ricevere, il segreto della vita

Dalle pagine del Corriere della Sera, Alessandro D’Avenia ci ha regalato ieri alcune righe di straordinaria potenza affettiva, educativa, erotica, relazionale. La vita è un continuo oscillare tra il dare e il ricevere, e chi meglio del latte e del sangue può rappresentarla? Buona lettura… e buon San Valentino (ormai ci siamo)!!! https://www.corriere.it/alessandro-davenia-letti-da-rifare/19_febbraio_11/latte-sangue-cioccolatini-alessandro-d-avenia-letti-da-rifare-1c6ed4bc-2d4e-11e9-9137-8c3ab066961d.shtml?refresh_ce-cp

Quando una “buona” parola sconfigge il male

Si sta sviluppando una bella rete tra comuni, scuola, territorio sul tema #paroleostili. Il Miur ha prodotto dei brevi video, per arrivare a tutti, bambini compresi. Vi invitiamo a visionare l’ampio materiale disponibile sul canale youtube PAROLE OSTILI, e intanto alleghiamo uno dei loro brevi clip.

Un pedagogista che amava i bambini fino a dare la vita

Oggi è il 27 gennaio, giornata dedicata alla commemorazione della Shoah. Sono molte le cerimonie e le celebrazioni, e anche noi non possiamo sottrarci al ricordo di quanto successo; però intendiamo offrire una storia bella, di una persona che ha dato la sua vita per quei bambini per i quali spendeva la sua vita. Stiamo parlando di Janusz Korczak, qui ricordato in uno scritto di un suo allievo, Aleksander Lewin. Buona lettura. janusz korczak

Navigazione articolo