scuolavicentina

Archivio per il tag “Cuore”

La lezione di don Milani, “attualizzata” da Alessandro D’Avenia – convegno CEI

Si è svolto dall’8 al 10 maggio scorso, a Milano, il convegno della CEI per i Direttori degli uffici diocesani per l’educazione e la scuola, e i Direttori degli ufficio diocesani IRC. Per Vicenza erano presenti Matteo Refosco, segretario ufficio, Dino Caliaro, vicedirettore, Fernando Cerchiaro, Direttore ufficio per l’educazione e la scuola. Sono stati tre giorni intensi dove la figura di don Milani, che ha accompagnato sullo sfondo i vari momenti del programma, è stata non solo rivalutata e riapprezzata, ma per certi aspetti riscoperta. Segnaliamo questo contributo pubblicato su “Avvenire” del 9 maggio, che racconta il primo degli interventi del convegno, affidato allo scrittore e docente Alessandro D’Avenia: merita proprio di essere letto e condiviso. Convegno CEI

Nell’immagine, un momento del convegno con l’intervento dello scrittore D’Avenia

Annunci

Film su alleanza educativa SCUOLA FAMIGLIA TERRITORIO

locandina-film-24-febbraio-magre_page_1Segnaliamo che venerdì 24 febbraio, ore 20.30 presso il Teatro del Circolo Cattolico di Magré (Schio) l’ufficio diocesano per l’educazione e la scuola di Vicenza propone la proiezione (gratuita) del film “Il rosso e il blu“, con introduzione e commento di don Alessio Graziani, esperto cinematografico. Il film darà l’occasione per riflettere e confrontarsi, in modo leggero ma non banale, sul legame e sul ruolo, inscindibile in chiave educativa, tra scuola, famiglia e territorio. Vi aspettiamo!!! locandina-film-24-febbraio-magre

Ma che mondo stiamo vivendo?

Andrea_MondaNell’edizione domenicale di Avvenire Andrea Monda, docente di religione cattolica, ha proposto un breve ma incisivo editoriale a seguito dei tragici datti di Dacca, Andria, Nizza, Istanbul … buona riflessione. La LEGIONE degli choc

Alla ricerca dei don Milani di oggi

eraldo_affinati._foto_di_vincenzo_cottinelli

don-milani-lettera-a-una-profsoressa-barbiana-classe-kYMF-U431505359016259sC-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443«Devo tutto quello che so ai giovani operai e contadini cui ho fatto scuola. Io ho insegnato loro soltanto a esprimersi, mentre loro mi hanno insegnato a vivere». Così don Lorenzo Milani scriveva in Esperienze pastorali nel 1958, volume iniziato nei primi anni del sacerdozio, in cui aveva raccolto la riflessione sulla sua esperienza pastorale. «Era l’uomo del futuro soprattutto perché aveva sognato una scuola che oggi stentiamo ancora a realizzare, ma cui non possiamo rinunciare. È la scuola del maestro che si mette in gioco e guarda negli occhi il suo scolaro. Uno a uno». Eraldo Affinati ha viaggiato sulle strade di don Lorenzo Milani e in quattro continenti, alla ricerca dei suoi eredi: dall’articolo di Elisabetta Rosaspina del Corriere eccone la voce e il frutto di questo cammino. Tutti i don Milani del mondo

Quando la musica è già risposta

pianoforteRilanciamo un contributo di Michela Murgia, pubblicato sul mensile “Il Messaggero”, dove si racconta di piccoli miracoli che si spiegano solo con la forza di un esempio virtuoso che si riproduce come una talea. Non si parla proprio di scuola … ma di quella bellezza che a scuola è importante far assaporare; e talvolta la musica, in questo, sa fare davvero miracoli. La risposta è la bellezza

Un cuore rigenerato

A pochi giorni dall’inizio del Giubileo della misericordia, ci pare bello prometeocondividere le interessanti riflessioni di Alessandro D’Avenia, scrittore ma prima di tutto docente, pubblicate su La Stampa. Con la speranza di avere anche noi, presto, un cuore davvero rigenerato.

Un cuore rigenerato

Dio di misericordia

misericordia

Oggi si è aperto il Giubileo della misericordia: pubblichiamo volentieri un pensiero del cardinal Ravasi, che partendo dai Promessi Sposi ci richiama la bellezza e insieme la profondità dell’espressione misericordia, propria delle grandi religioni.

Dio di misericordia

Educare è cosa del cuore

????????

Tra l’educare e l’imparare c’è di mezzo il mare (di Andrea Mainente, segretario diocesano Msac)

Educare è un verbo silenzioso, quasi come un palpito, una gemma che si presenta al mondo o la lancetta delle ore che scorre sul quadrante finché “caspita, s’è fatto tardi!”. Allora forse è vero che educare è cosa del cuore, una costante contrazione, una sistole, e come tutte le cose che vengono da un muscolo involontario, rischia di passare inosservata, automatica e dovuta, fino al momento in cui questa macchina ricoperta di tessuto striato finisce di pompare sangue. Perché educare è sì un verbo transitivo, ma vale poco se non transita, è un moto da luogo che implica un ritorno, un po’ come la nascita, un po’ come il cuore, che  scandendo con i battiti il ritmo della nostra vita, dà e riceve sangue, e non c’è sistole senza diastole. Educare significa anche spendersi. E la sua diastole, il ritorno di linfa senza il quale l’azione diventa solo in-segnamento, un puro marchiare prodotti di fabbrica, è il ricordo. Un riportare al cuore per poter ripartire dal cuore, al cor, cordis, come avevano intuito i Romani, quasi che ogni battito fosse lì a rammentarci qualcosa. E un tempo in cui davvero pochi riescono ancora a trasalire per un verso di Montale piuttosto che per un rigore concesso alla Juve, per gli scenari infernali dipinti da Bosh, piuttosto che per i paradisi di plastica offerti su Rete4, insomma, in tempo in cui dell’ipocrisia ci si compiace, c’è sempre più bisogno di educatori che siano prima di tutto testimoni, siano essi padri o professori.

Se arrivi in classe costantemente in ritardo non sarai credibile nel momento in cui a me rinfaccerai lo stesso; se pretendi di rendermi saturo di nozioni lanciandole svogliatamente nel vuoto, come posso credere che ci si possa innamorare dei saperi a cui hai dedicato una vita? La scuola ha bisogno non solo di insegnanti, ma insegnanti che siano maestri credibili, coerenti. E se il maestro di Platone, una volta in carcere, avesse colto l’occasione della fuga, se il Maestro dei dodici, davanti a Pilato, ai sacerdoti del Sinedrio, davanti alla folla che sceglie sempre Barabba, avesse ritrattato, fatto un passo indietro, forse oggi avremmo un’altra storia e, invece di due testimoni, col migliore dei francesismi, due paraculo.
La scuola ha bisogno di testimoni appassionati e appassionanti, perché educare è coltivare l’intelligenza, ossia la capacità di leggere tra le righe, far capire che la storia non è fatta di sole date, e che senza la matematica lo smartphone da cui sto scrivendo non esisterebbe. È condurre fuori (in latino ex ducere), estrarre un talento, accompagnare un potenziale nella giusta direzione, verso l’esterno, la sapiente arte delle osteriche durante il parto. Educare è abituare al rispetto del diverso e al confronto col diverso. È dare prova che la bellezza esiste e che magari Dostoevskij non mentiva nel dire che essa salverà il mondo. È far amare il bello senza nascondere il brutto, trasformandosi in un novello Picasso, capace di mutare in arte l’orrore squadrato e senza prospettiva della guerra. È creare il silenzio per la voce, sapersi mettere in gioco e di tanto in tanto scendere dal piedistallo: un cuore dà, un cuore riceve. Non è dire “non ce la farai mai”, né “ce la farai sempre”, ma essere sinceri: là fuori c’è un mondo!
Educare non è guardare i banchi di una classe e vedere numeri, ma riconoscere persone, ognuna con le proprie battaglie tenute strette tra le viscere, proprio come te che dalla cattedra le guardi e dal1086le quali giustamente pretendi rispetto.  Educare significa avere mani di artigiano, perché se la scuola è officina di umanità, per un’umanità di valore e di valori non possiamo permetterci produzioni industriali, catene di montaggio e prodotti in serie. Ma dobbiamo essere artigiani, seduti nella nostra officina, a curare nel dettaglio ogni elemento, a vedere del potenziale in un tronco nodoso e grezzo; con la testa china a limarne i contorni, senza fretta e senza urla, ascoltando il battito che pulsa, la voce delle cose che vengono dal cuore.

Andrea Mainente (studente, segretario diocesano Movimento Studenti di Azione Cattolica)

Navigazione articolo