scuolavicentina

Archivio per il tag “giovani”

Adolescenti, non malati

Sul Corriere della Sera di venerdì 20 dicembre è pubblicato una interessante riflessione di Francesco Dell’Oro, a margine dell’uscita del suo nuovo libro “Indietro tutta“, nella quale l’autore sottolinea con forza una delle questioni che, effettivamente, stanno coinvolgendo in modo sproporzionato la scuola italiana: l’ansia di prestazione che porta molti casi a essere classificati come BES/DSA. E’ un tema delicato, ma bisogna anche avere il coraggio di parlare, specie nel nostro paese, dove il “gioco” di diagnosticare disturbi di apprendimento sembra essere continuo e non conoscere (a volte) limite.  Articolo di Francesco Dell’Oro – Corriere della Sera

La perfezione non esiste – Vanessa Incontrada

Venerdì 6 dicembre Vanessa Incontrada ha tenuto un breve monologo contro il body shaming (la derisione del corpo), in prima serata su Rai1. La conduttrice ha emozionato tutti con un messaggio rivolto a se stessa e a tutte le donne. “La perfezione non esiste. Magari me lo avessero detto prima. Sai quanto tempo ho passato a cercarla?”. Parole forti che provengono direttamente dalla sua esperienza personale, dal lungo percorso affrontato per superare il dolore provocato dai commenti sul fisico ricevuti nel corso degli anni sui social e non solo. Incontrada in passato è stata più volte attaccata per le sue forme, accusata di “essere ingrassata troppo”, persino durante la gravidanza.

Di seguito il link del suo monologo e allegato un commento della filosofa e saggista Michela Marzano, estrapolato dalle pagine de “Repubblica” a commento proprio delle parole di Vanessa Incontrada.

La perfezione non esiste – Vanessa Incontrada

Quella voglia di “ascolto”

giovaniI nostri giovani, sempre più, desiderano essere ascoltati. Rilanciamo volentieri un contributo di Roberto Carnero, pubblicato sull’Avvenire ancora il 23 ottobre scorso. Parole semplici, ma di profonda verità e attualità. Articolo Roberto Carnero

Connessi o sconnessi

affinati connessiCome sempre la firma di Eraldo Affinati non è banale, ma entra nel merito delle questioni. Il pezzo che rilanciamo, pubblicato da Avvenire il 22 settembre scorso, non fa eccezioni. Avvenire_20190922_A03_2 Affinati

Scrutini, numeri e persone

Nel bel mezzo del periodo degli scrutini, fa bene (e ci fa bene) leggere e meditare questo bellissimo contributo di Alessandro D’Avenia, pubblicato sulla rubrica “Letti da rifare” del Corriere della Sera, in edicola oggi. Davvero, c’è da meditare. Scrutini, numeri e persone

Il caso Rosa Maria Dell’Aria

E’ di questi giorni la polemica divampata sui social, relativa alla sospensione della prof. ssa Rosa Maria Dell’Aria, rea di non aver vigilato sul lavoro dei suoi alunni in occasione del Giorno della memoria. L’accusa che viene rivolta riguarda un ppt, dove vengono accostate le leggi razziali al decreto sicurezza del ministro dell’interno Matteo Salvini. Noi che amiamo la scuola e crediamo nel suo compito primario di sviluppare riflessione critica, abilità, conoscenze, competenze anche attraverso il confronto e il pensiero, non possiamo che stigmatizzare questa carica di odio e persecuzione in cui è incorsa questa docente, peraltro nemmeno responsabile delle slide prodotte. Sapere poi che oggi la Digos si è presentata a scuola e ha interrogato Preside, professori e alunni fa davvero rabbrividire … Articolo Avvenire

A scuola “dal Papa”

La scuola è un bene di tutti e deve restare una fucina nella quale ci si educa all’inclusione, al rispetto delle diversità, alla collaborazione. È un laboratorio che anticipa ciò che dovrebbe essere nel futuro la collettività”. Sono parole di Papa Francesco, dette agli studenti del liceo classico statale “Ennio Quirino Visconti” di Roma, ricevuti una settimana fa nell’Aula Paolo VI, in occasione dell’Anno Giubilare Aloisiano. Il pontefice ha ricordato gli ex studenti illustri, tra cui Eugenio Pacelli, futuro Pio XII, e Franco Modigliani, futuro nobel per l’economia, oltre ai grandi scienziati che vi hanno insegnato. Nelle parole di Francesco l’invito ai giovani a “non avere paura delle diversità che arricchiscono”. E ad “avere passione davanti alla cultura e alla scienza”, non “indifferenza”, e poi l’invito a non abusare del cellulare, “una droga, che trasforma le relazioni da comunicazione a contatto”. Parole che sicuramente hanno inciso su questi giovani romani; perché “si può andare anche a scuola dal Papa”!   Udienza Papa studenti Visconti

La “maestrocrazia”

Come ogni lunedì, ALESSANDRO D’AVENIA ci conduce in un viaggio fatto di parole, sentimenti, riflessioni sul mondo scuola. Dalla rubrica “Letti da rifare” di Avvenire dello scorso lunedì, citiamo: Ci vuole: «maestria». Ricordo ancora l’assurdo consiglio ascoltato da un docente della scuola di specializzazione per l’insegnamento: «Se sbagliate e i ragazzi se ne accorgono, continuate ad affermare ciò che avete detto. Siete maestri, non potete sbagliare!». Proprio il contrario di ciò che rende tale un maestro e attrae i ragazzi. La «maestrocrazia» non sta nel potere conferito dal ruolo o in un’illusoria infallibilità, ma nel voler essere ancora «ammaestrati» dalla vita, come diceva la grande poetessa russa Marina Cvetaeva: «Chi ascolto oltre la voce della natura e della saggezza? La voce di tutti i mastri e maestri. Quando recito una poesia sul mare e un marinaio che non capisce nulla di poesia mi corregge, io gli sono riconoscente. Lo stesso con il guardaboschi, il fabbro, il muratore. Ogni cosa che mi viene donata dal mondo esterno mi è preziosa, poiché in quel mondo io sono una nullità. Ma quel mondo mi è necessario ogni minuto». Il maestro non è tale perché infallibile, ma perché continua a lasciarsi educare: è credibile se anche lui, come i ragazzi, è impegnato a crescere. La maestrocrazia

Giornata mondiale di mobilitazione per il clima

Oggi in molti paesi d’Europa e del mondo intero ci sono state iniziative, manifestazioni e scioperi degli studenti per portare all’attenzione dei più grandi (o semplicemente “dei grandi”) il tema dell’ambiente e del clima. Rilanciamo un articolo di Avvenire della scorsa settimana, che introduceva la giornata di oggi. Avvenire L’onda verde dei giovani italiani

Supereroi, ma sempre uomini

Come ogni lunedì, dalle pagine del Corriere della Sera Alessandro D’Avenia ci offre uno splendido affresco sul mondo giovanile, questa volta a partire dai supereroi (cogliendo lo spunto dalla morte del grande disegnatore Stan Lee). Davvero da leggere. https://www.corriere.it/alessandro-davenia-letti-da-rifare/18_novembre_19/supereroi-superproblemi-stan-lee-uomo-ragno-d-avenia-letti-da-rifare-eb545ad0-eb4b-11e8-a3a7-d3b748828557.shtml?refresh_ce-cp

Navigazione articolo