scuolavicentina

Archivio per il tag “Pedagogia”

La “maestrocrazia”

Come ogni lunedì, ALESSANDRO D’AVENIA ci conduce in un viaggio fatto di parole, sentimenti, riflessioni sul mondo scuola. Dalla rubrica “Letti da rifare” di Avvenire dello scorso lunedì, citiamo: Ci vuole: «maestria». Ricordo ancora l’assurdo consiglio ascoltato da un docente della scuola di specializzazione per l’insegnamento: «Se sbagliate e i ragazzi se ne accorgono, continuate ad affermare ciò che avete detto. Siete maestri, non potete sbagliare!». Proprio il contrario di ciò che rende tale un maestro e attrae i ragazzi. La «maestrocrazia» non sta nel potere conferito dal ruolo o in un’illusoria infallibilità, ma nel voler essere ancora «ammaestrati» dalla vita, come diceva la grande poetessa russa Marina Cvetaeva: «Chi ascolto oltre la voce della natura e della saggezza? La voce di tutti i mastri e maestri. Quando recito una poesia sul mare e un marinaio che non capisce nulla di poesia mi corregge, io gli sono riconoscente. Lo stesso con il guardaboschi, il fabbro, il muratore. Ogni cosa che mi viene donata dal mondo esterno mi è preziosa, poiché in quel mondo io sono una nullità. Ma quel mondo mi è necessario ogni minuto». Il maestro non è tale perché infallibile, ma perché continua a lasciarsi educare: è credibile se anche lui, come i ragazzi, è impegnato a crescere. La maestrocrazia

Annunci

Quando una “buona” parola sconfigge il male

Si sta sviluppando una bella rete tra comuni, scuola, territorio sul tema #paroleostili. Il Miur ha prodotto dei brevi video, per arrivare a tutti, bambini compresi. Vi invitiamo a visionare l’ampio materiale disponibile sul canale youtube PAROLE OSTILI, e intanto alleghiamo uno dei loro brevi clip.

Un pedagogista che amava i bambini fino a dare la vita

Oggi è il 27 gennaio, giornata dedicata alla commemorazione della Shoah. Sono molte le cerimonie e le celebrazioni, e anche noi non possiamo sottrarci al ricordo di quanto successo; però intendiamo offrire una storia bella, di una persona che ha dato la sua vita per quei bambini per i quali spendeva la sua vita. Stiamo parlando di Janusz Korczak, qui ricordato in uno scritto di un suo allievo, Aleksander Lewin. Buona lettura. janusz korczak

Una lezione di bellezza e luce … in palestra!

Ci sono “lezioni” che a volte cambiano la vita delle persone. In quest’articolo Mauro Berruto, noto allenatore di pallavolo di serie A, oggi impegnato nel Tiro con l’arco, racconta per Avvenire un aneddoto di qualche anno fa, che però è proprio una lezione di vita, di scuola, di amore. E dice semplicemente una grande verità: quanto può essere liberante lo sport, la bellezza, la luce. Da leggere. https://www.avvenire.it/rubriche/pagine/la-miglior-lezionedalla-peggior-squadra

La luna …

Ancora una volta riprendiamo la rubrica “Letti da rifare” che il nostro amico Alessandro D’Avenia tiene puntualmente dalle pagine del Corriere della Sera. Oggi Alessandro ci porta…sulla luna. Basta leggere queste parole per cominciare a viaggiare: “Per cercare risposta a una delle domande più frequenti che ricevo dai ragazzi: «che senso ha la vita?», è proprio sulla Luna che sono dovuto sbarcare anche io.” Buon viaggio verso la (propria) luna!!! https://www.corriere.it/alessandro-davenia-letti-da-rifare/18_novembre_26/alessandro-d-avenia-apollo-11-luna-b562ade2-f0cc-11e8-93f5-f4e69b527157.shtml

 

Supereroi, ma sempre uomini

Come ogni lunedì, dalle pagine del Corriere della Sera Alessandro D’Avenia ci offre uno splendido affresco sul mondo giovanile, questa volta a partire dai supereroi (cogliendo lo spunto dalla morte del grande disegnatore Stan Lee). Davvero da leggere. https://www.corriere.it/alessandro-davenia-letti-da-rifare/18_novembre_19/supereroi-superproblemi-stan-lee-uomo-ragno-d-avenia-letti-da-rifare-eb545ad0-eb4b-11e8-a3a7-d3b748828557.shtml?refresh_ce-cp

Dossier 2018

Dal settimanale “Scuola7” riprendiamo questo Dossier di inizio anno, che rimette in fila i grandi temi che ruotano attorno al mondo scuola. Buona lettura. scuola7_040918_e_tuttoscuola_030918

Il prof bravo … (quasi) mai nella scuola disastrata, sigh

Interessante questo breve trafiletto di Gianna Fragonara, tratto dal Corriere. Poche parole ma ricche di verità. C’è da pensarci. Il prof bravo

Mi basta l’aria

Fermarsi non vuol dire essere immobile, ma stabile, il contrario di «in-fermo», colui che è instabile, perché non si ferma mai, e perciò s’ammala. Fermarsi è creare ogni giorno spazi di intimità che permettono al quotidiano di «miracolarci», senza ricorrere a effetti speciali“. Come si fa a non rilanciare, ancora una volta, le parole splendide di D’Avenia? Eccovi il pezzo uscito lunedì scorso, sempre sulle pagine del Corriere. Da leggere, da meditare. https://www.corriere.it/alessandro-davenia-letti-da-rifare/18_giugno_10/20-mi-basta-aria-alessandro-d-avenia-letti-da-rifare-azione-contemplazione-4517429c-6cbe-11e8-8fe1-92e098249b61.shtml

Ulisse, cura anti apatia

Proseguono gli appuntamenti del lunedì, con Alessandro D’Avenia, sulle pagine del Corriere. Come sempre, letture edificanti … http://www.corriere.it/alessandro-davenia-letti-da-rifare/18_marzo_04/ulisse-cura-anti-apatia-6e95db60-1fe3-11e8-a09a-92b478235f6f.shtml

Navigazione articolo