scuolavicentina

Archivio per il tag “Studenti”

Chi si accorge della scuola?

Sull’edizione settimanale di “Famiglia Cristiana” Fabrizio Fantoni risponde alla domanda di un lettore, esplicitando in modo chiaro e sintetico il disagio che attraversa il mondo scuola. Sono poche parole, ma di una eloquenza rara: tra le altre, sottolineiamo l’affermazione che “nei programmi elettorali, pochissime righe sono state dedicate alla scuola“: assolutamente e tristemente vero.   Disagio

Annunci

Studenti in calo

Sul Giornale di Vicenza di ieri sono usciti questi due contributi circa il calo delle iscrizioni nelle scuole della provincia. Sono ben 1500 le iscrizioni perse quest’anno, dovute sia alla “fuga” degli immigrati, ma anche e soprattutto alla caduta della natalità tra le coppie italiane. Calo di insegnanti    Scuola senza studenti

Cena solidale: davvero riuscita!!!

Serata davvero straordinaria (da rendere … ordinaria!) quella di ieri sera nel centro giovanile di Alte Ceccato, promossa dal nostro Ufficio diocesano per l’educazione e la scuola unitamente al Msac vicentino con la CENA SOLIDALE per sostenere la “Scuola viaggiante” di Cristiano Morsolín in Colombia. Ad allietarci con piatti semplici ma davvero gustosi e prelibati gli amici del Progetto Jonathan; in sede di regia i mitici segretari del Movimento Studenti di AC; a contribuire alla riuscita della serata la presenza di oltre 80 convenuti e la collaborazione davvero lodevole dei giovani della parrocchia di Alte! Dopo la breve spiegazione per far conoscere “Scuola viaggiante” (anche grazie al bel video che Cristiano ci ha fatto pervenire) la serata è trascorso in modo davvero semplice e gradevole, con un mix curioso di “mondo scuola” ritrovatosi a cena composto da studenti (piccoli e grandi), docenti, genitori … il ricavato della cena (e della splendida lotteria organizzata dal Msac) andrà interamente in Colombia, e sicuramente farà del bene, cosi come ha fatto del bene a tutti noi trascorrere un paio d’ore in serenità, letizia, e con la passione per una scuola davvero bella e buona!  

Lezioni maieutiche …

Pubblichiamo dal Corriere questo contributo di Antonella De Gregorio dell’8 aprile, dove a partire da un’esperienza in un liceo di Pistoia il pedagogista Daniele Novara propone l’arte della maieutica per fare scuola. Scuola senza cattedre

Letti da rifare/3

Non possiamo non allegare questo straordinario contributo del collega Alessandro D’Avenia, pubblicato sulle pagine del Corriere della Sera (dove ogni lunedì esce una sua rubrica, “Letti da rifare”). Chapeau. http://www.corriere.it/alessandro-davenia-letti-da-rifare/18_febbraio_04/diffido-dell-istruzione-d0da810c-09dd-11e8-a34a-fc54918998f4.shtml?refresh_ce-cp

L’infanzia soffocata

In questo articolo pubblicato dal “Corriere della sera” del lunedì 29 gennaio scorso, si riflette (a partire da alcuni dati citati dall’associazione Save the Children) sulla “povertà educativa“, cioè l’impossibilità per molti giovani di apprendere e dunque di far crescere i propri talenti e le proprie aspirazioni.  L’infanzia soffocata

Fiocco di neve

Ci sono storie che hanno dell’incredibile: dalla Cina (tramite il Corriere della Sera) ci giunge notizia di questo bambino, uno dei tanti “lasciati indietro“, che a scuola ci va davvero, con tanti sacrifici. E pensare che spesso nelle classi italiane, gli studenti fanno di tutto per “saltare”, i compiti…  Fiocco di neve

Chat imbarazzanti

Nell’edizione di Avvenire di venerdì scorso, Ferdinando Camon interviene “a gamba tesa” sull’episodio che ha coinvolto un docente, impegnato in conversazioni quantomeno “equivoche” con alcune alunne. Sempre labile il confine tra relazione e perdita della relazione, che dovrebbe contraddistinguere il ruolo docente. Chat imbarazzanti

Don Lorenzo e la trasmissione dei saperi

Rilanciamo questo articolo di Andrea Dessardo, pubblicato sul sito dell’Azione Cattolica, che ci aiuta a rimettere a tema il pensiero educativo, didattico e pedagogico di don Lorenzo Milani. http://azionecattolica.it/don-lorenzo-e-la-trasmissione-dei-saperi

Smartphone in classe!

Il neuroscienziato Lamberto Maffei, dalle pagine dell’Avvenire, critica l’uso dello smartphone nel mondo scolastico e difende il valore della Parola, invitando a riscoprire il pensiero lento. E’ un tema senza dubbio interessante e attuale, dove le opinioni, spesso discordi di pedagogisti e psicologi, a fatica trovano una sintesi. Scuola della Parola

Navigazione articolo