scuolavicentina

Archivio per il tag “Vita”

Prova aperta gratuita per il nuovo spettacolo de “La Piccionaia”

Martedì 22 ottobre, ore 10.00, al Teatro Astra di Vicenza la compagnia teatrale della Piccionaia accoglie volentieri chi può partecipare alla prova aperta del nuovo spettacolo “Sei stato tu!”, con la regia di Carlo Presotto . Lo spettacolo, che sarà possibile poi portare nelle classi e aule scolastiche, si pone l’obiettivo di valorizzare i temi del rispetto, della dignità, e quindi contrapporre a emergenze educative odierne (quali bullismo e cyberbullismo) una chiave propositiva, costruttiva, che parte dal valorizzare la persona umana nella sua dignità. La prova aperta sarà seguita da un breve dialogo col regista sul tema dello spettacolo, al fine di approfondirne i contenuti. La partecipazione è libera, vi aspettiamo.

Connessi o sconnessi

affinati connessiCome sempre la firma di Eraldo Affinati non è banale, ma entra nel merito delle questioni. Il pezzo che rilanciamo, pubblicato da Avvenire il 22 settembre scorso, non fa eccezioni. Avvenire_20190922_A03_2 Affinati

Un camminare che si fa scuola

Rilanciamo questo articolo di Avvenire, dello scorso 22 settembre, che ci racconta la storia e la scelta del Comprensivo di Campomorone, in Liguria. Gli studenti avevano dovuto affrontare il dramma di Petra, una loro compagna di classe che si è tolta la vita, «sopraffatta da una disperazione di cui nessuno aveva colto i segni, inspiegabilmente ha rinunciato»;  spronati dal loro insegnante di Italiano, Stefano Piana, si sono incamminati insieme sui sentieri che conducono a Punta Martin, posta a 1000 metri sul livello del mare. In questo modo si è cercato di spiegare ai ragazzi l’enormità di quanto era accaduto alla giovane amica. Ma, più delle parole, è valso il «camminare insieme» per lo stesso sentiero. Della serie: quando la scuola incrocia la vita, quella vera.  Avvenire_20190922_A17_0

Piccolo decalogo (meglio dozzina…) di consigli per il buon insegnante

Sull’edizione di mercoledì 4 settembre de “la Repubblica” il nostro caro amico e collega Eraldo Affinati ha stilato un breve e semplice decalogo (anzi, 10+2) con delle osservazioni davvero interessanti per il buon insegnante. In questa fase di inizio anno, siano di buon auspicio e confronto per tutti, dai maestri ai professori ai docenti universitari…a tutti coloro che incrociano, ogni giorno, i nostri cari studenti. Le 10 regole (più 2) per un insegnante Affinati

Scrutini, numeri e persone

Nel bel mezzo del periodo degli scrutini, fa bene (e ci fa bene) leggere e meditare questo bellissimo contributo di Alessandro D’Avenia, pubblicato sulla rubrica “Letti da rifare” del Corriere della Sera, in edicola oggi. Davvero, c’è da meditare. Scrutini, numeri e persone

Educare non è una mera competenza

Eraldo Affinati, nel numero di venerdì dell’Avvenire, commenta l’episodio triste di Foligno, con la solita sapienza e speranza, nonostante tutto. Da leggere e condividere. https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/quello-che-i-piccoli-ci-insegnano

Quando una “buona” parola sconfigge il male

Si sta sviluppando una bella rete tra comuni, scuola, territorio sul tema #paroleostili. Il Miur ha prodotto dei brevi video, per arrivare a tutti, bambini compresi. Vi invitiamo a visionare l’ampio materiale disponibile sul canale youtube PAROLE OSTILI, e intanto alleghiamo uno dei loro brevi clip.

Periodo di scelte…aiutiamo a scegliere bene!

In questi giorni (e fino al 30 gennaio) le famiglie dei bambini e ragazzi frequentanti l’ultimo anno della scuola dell’Infanzia, Primaria e Secondaria di I° formalizzano la scelta per la scuola del prossimo anno scolastico. Ovviamente una attenzione speciale va rivolta alla possibilità di avvalersi dell’ora di religione: e a sentire questi studenti del Liceo Fogazzaro, ne vale proprio la pena!!!

Un “dono” presente

E niente: pensavamo di interrompere la pubblicazione degli scritti dell’amico Alessandro D’Avenia, che ultimamente avevamo ripreso forse eccessivamente, ma come si fa a non rilanciare uno scritto simile, quando si leggono parole come “Fare un presente» diventa quindi regalare una presenza nuova, che a volte è semplicemente il farsi vivi con qualcuno che trascuriamo o ignoriamo da tempo o riannodare una relazione rovinata. Il dono è una presenza che ribadisce: «è bello che tu ci sia, comunque sia andata, eccomi qui a dirtelo». Per questo, ancora una volta, eccovi un contributo di D’Avenia, pubblicato lunedì scorso sulla rubrica “Letti da rifare” sul Corriere della Sera. Merita, davvero, e ci interpella profondamente nel nostro servizio educativo e didattico.   https://www.corriere.it/alessandro-davenia-letti-da-rifare/18_dicembre_10/regali-doni-o-presenti-alessandro-d-avenia-letti-da-rifare-c954a902-fbeb-11e8-b5c8-9e33310709fc.shtml

Una lezione di bellezza e luce … in palestra!

Ci sono “lezioni” che a volte cambiano la vita delle persone. In quest’articolo Mauro Berruto, noto allenatore di pallavolo di serie A, oggi impegnato nel Tiro con l’arco, racconta per Avvenire un aneddoto di qualche anno fa, che però è proprio una lezione di vita, di scuola, di amore. E dice semplicemente una grande verità: quanto può essere liberante lo sport, la bellezza, la luce. Da leggere. https://www.avvenire.it/rubriche/pagine/la-miglior-lezionedalla-peggior-squadra

Navigazione articolo